INVASIONI DIGITALI – 2017

Sabato 6 maggio alle ore 16:30 Rabite Bus per il quarto anno consecutivo è capo invasore, ovvero organizzatore, di Invasioni Digitali a Tursi, movimento – evento nazionale nato per stimolare una maggiore frequentazione del nostro patrimonio culturale, per favorire una comunicazione partecipata, per una fruizione delle nostre bellezze storico – artistiche, al fine di creare anche una maggiore notorietà, in particolare nel mondo della rete.  Vedi il nostro tema scelto per le nostre invasioni del 2016.

E’ un movimento che coniuga il reale con il virtuale, simbolicamente “s’invadono” i luoghi prescelti e contemporaneamente, si scattano foto, si twitta, si pubblica e si condivide sui principali social la giornata in programma, di modo che, anche luoghi, specie i meno noti, possano godere di una fama quasi inaspettata: il senso è proprio quello di portare alla ribalta i luoghi in sordina.

L’invasione dell’ anno 2017 comincerà da una via cara a Tursi, ovvero Via Oliva, che si caratterizzava nel paese per essere stata molto popolosa, la cui vita del “vicinato” era sempre in fermento. Ci fermeremo ad ammirare e cercare di rievocare le voci chiassose di un tempo, insieme a chi ci è cresciuto e l’ha frequentata.

Arriveremo sino a Palazzo Latronico che si trova nel cuore del centro storico di Tursi, nel Rione S. Michele, probabilmente il più grande palazzo di Tursi, dotato di un ampio atrio con gradinata interna in pietra e di una caratteristica torre del belvedere. All’interno di questo meraviglioso atrio, con un piccolo intermezzo musicale, concluderemo il nostro percorso e celebreremo insieme per la quarta volta “Missione Compiuta” di Invasioni Digitali.

Saremo tutti “Invasori pacifici”, muniti di smartphone e macchine fotografiche, condivideremo i nostri scatti e la nostra esperienza sui social network come Facebook – Instagram – Twitter con l’hashtag #Invasionidigitali. Attraverso questo appuntamento annuale, Rabite Bus intende incoraggiare la partecipazione a livello educativo e creativo, attivando nuovi meccanismi di interazione e confronto della produzione e fruizione del nostro patrimonio culturale.

INVASIONI DIGITALI 2016

LE NOSTRE EDIZIONI

Rabite Bus e “La Notte del Lavoro Narrato”

IL 28 Aprile alle ore 20:00 nella Sala Benedetto XVI (ex Cinema) Rabite Bus dà il via alla prima esperienza a Tursi de La Notte del Lavoro Narrato. E’ un appuntamento nazionale con lo scopo di valorizzare il lavoro di ciascuno di noi. E’ nato da un’idea di Vincenzo Moretti e Alessio Strazzullo, organizzato da #lavorobenfatto e Jepis Bottega insieme al network che si è costituito spontaneamente a partire dalla prima edizione.

E’ un momento di riflessione, dibattito, racconto che coinvolge donne e uomini di ogni età, che si ritrovano in un luogo, come una piazza, un bar, un teatro o, per l’appunto un ex cinema, come organizzato da Rabite Bus, con l’intento di raccontare storie ed esperienze di lavoro, in tutti i modi possibili. A fare da eco amplificatore al tutto, non possono mancare i social network: dirette, scatti, parole, esperienze, che si condivideranno durante la serata, verranno pubblicati sulla pagina Facebook di Rabite Bus e grazie all’hashtag (etichetta) dedicata, (#lavoronarrato) i contenuti si raccoglieranno sotto un’unica categoria, in modo da unirsi a quelli di tutti i partecipanti d’Italia.

GUARDA IL NOSTRO PROMO


L’iniziativa nasce con l’intento di far emergere il lato più nobile del lavoro, l’impegno di ciascuno di noi, la passione che lo anima e quindi un lato d’Italia che dà valore al lavoro e lo esalta, al tempo stesso.

L’azienda Rabite Bus sente particolarmente vicino questo tema, essendo un‘attività imprenditoriale di lunga data, che si sta rimodellando ai tempi, e valuta aspetti  nuovi del lavoro, adottando nuovi approcci rispetto ai tempi della sua nascita. Rabite Bus pensa al lavoro anche nei termini della sua responsabilità sociale e culturale,come forma di inclusione e di crescita collettiva, e che non si esaurisce nel mero espletamento delle sue mansioni. Queste e altre motivazioni sono alla base della volontà di condividere questo evento nazionale e coinvolgere quante più persone possibili.

ALBERI DI NATALE IN PALLET

Sono oltre 60 gli alberi in pallet realizzati a Tursi per il Natale 2016 in seguito a una campagna di sensibilizzazione per la riduzione dei rifiuti e il riutilizzo dei materiali, messa in atto e diffusa da Rabite Bus.

L’idea è nata come azione concreta per aderire, come annualmente l’azienda sceglie di fare, alla Settimana Europea per la riduzione dei rifiuti, svoltasi dal 19 al 27 Novembre 2016, ma il successo riscontrato ha protratto l’iniziativa per tutto il periodo natalizio e testimonia come questa azione si sia diffusa trasversalmente e coralmente nella comunità tursitana.

Il Comune di Tursi, Associazioni Culturali, esercizi commerciali, singoli cittadini, l’Istituto Comprensivo Albino Pierro, l’istituto ITGC Manlio Capitolo, l’Asilo Vescovile Figlie dell’Oratorio hanno aderito tutti alla campagna di sensibilizzazione per la riduzione dei rifiuti.

Per questa 8° edizione della Settimana Europea della riduzione dei rifiuti il tema scelto è “La riduzione dei materiali d’imballaggio”.

Il messaggio di cui gli alberi in pallet si fanno portatori è RIDURRE, RICICLARE, RIUTILIZZARE.
L’obiettivo principale condiviso è quello di cambiare il comportamento di tutti noi riguardo al consumo e allo spreco dei beni.

 

Dietro una semplice azione, come quella di costruire un albero di Natale ecologico, si stringono anche le maglie di un tessuto sociale che condivide, sente e aspira a un medesimo scopo, che in questo caso coincide con la diffusione di un messaggio ambientalista. La comunità di Tursi ha mostrato senso di collettività, partecipazione e collaborazione: durante la preparazione si sono creati mini – laboratori creativi spontanei per la realizzazione dell’albero in pallet come risposta comune. Attraverso questo senso di partecipazione, che comunemente viene descritto “dal basso”, si ritrova senso di appartenenza e ci si ricorda del valore che le singole azioni hanno all’interno di una comunità più estesa.

Tale è stato l’apprezzamento e la partecipazione popolare che, durante il periodo di preparazione, si è dato vita nell’Asilo Vescovile Figlie dell’Oratorio a uno spazio chiamato “ Luci e Creazioni nel Giardino Magico”, ad opera delle mamme, che insieme, hanno realizzato decorazioni natalizie con materiali riciclati.

“Siamo felici del risultato e della popolarità dell’azione, nel senso più genuino del termine, poiché solo con risposte così collettive e spontanee si può pensare anche di diffondere comportamenti più responsabili nei confronti dei luoghi che viviamo e dell’ambiente in generale, sino ad arrivare di cambiare anche le nostre abitudini in nome di qualcosa di più grande”.

L’azienda Rabite Bus è da sempre molto sensibile ai temi ambientali e durante l’anno sono molteplici le idee che mette in atto, in collaborazione con scuole, associazioni, esperti del settore, per contribuire alla diffusione di una maggiore consapevolezza che il tema ambientale riguarda tutti noi strettamente, da esso dipende la nostra economia, la sopravvivenza ela qualità della vita. Rabite Bus, in quanto protagonista del settore turistico,si fa promotore del messaggio che la condivisione e il rispetto, con azioni concrete, di simili valori ha un risvolto e una visibile ricaduta sulla capacità di crescita e accoglienza dei nostri luoghi.

Si rimanda alla pagina Facebook di Rabite Bus dove è possibile vedere tutte le foto condivise e dove si trova anche una mappa con tutti gli alberi realizzati e i relativi partecipanti.

Rabite Bus ringrazia tutti e dà appuntamento al prossimo anno per una nuova azione collettiva in difesa dell’ambiente. Buone Feste a tutti!

CINETOUR

In collaborazione con Lucania Film Festival e Lucana Film Commission l’azienda ha sperimentato e portato in tour  registi, filmmaker, giurati del festival, produttori sui luoghi che sono stati set cinematografici in Basilicata.

Sfoglia il report

SETTIMANA EUROPEA RIDUZIONE RIFIUTI 2016

Anche per questo anno si ripete l’edizione della Settimana Europea per la riduzione dei rifiuti, dal 19 al 27 Novembre 2016, che si caratterizza per l’organizzazione di eventi e iniziative dedicate alla crescita della consapevolezza dell’importanza di rispettare l’ambiente, cominciando dai più piccoli gesti.

L’obiettivo principale di queste azioni è cambiare il comportamento di tutti noi riguardo al consumo e allo spreco dei beni.

Rabite Bus di Tursi (Basilicata) rinnova, oramai da tempo, l’esperienza e, diversamente dall’edizione precedente, che ha visto protagonisti i ragazzi dell’ITSET dialogare con uno dei Comuni con la migliore pratica a riguardo, ovvero Salerno; in questa edizione, l’azienda ha coinvolto trasversalmente l’intera comunità di Tursi (Basilicata), comunicando con le associazioni del territorio, gli esercizi commerciali, i singoli cittadini, le istituzioni, invitandoli a seguire un’azione comune che identificasse collettivamente la comunità nello scopo.

L’azienda Rabite Bus è da sempre molto sensibile ai temi ambientali e durante l’anno sono molteplici le iniziative che intraprende, in collaborazione con scuole, associazioni, esperti del settore, per contribuire alla diffusione di una maggiore consapevolezza che il tema ambientale riguarda tutti noi strettamente, da esso dipende la nostra economia, la sopravvivenza e la qualità della vita. L’azienda, in quanto attore – protagonista del settore turistico, si fa promotore del messaggio che la condivisione e il rispetto, con azioni concrete, di simili valori hanno un risvolto sulla capacità di crescere e accogliere dei luoghi e sulla loro stessa economia interna, percepibile ed apprezzato anche dall’esterno.

L’azione in programma è quella di costruire alberi di Natale in pallet per essere poi esposti e diffondere, nonché prolungare per tutto il periodo natalizio,  il messaggio di cui sono portatori, ovvero: RIDURRE, RICICLARE, RIUTILIZZARE.

    


Ogni anno, la Settimana Europea della riduzione dei rifiuti è delle giornate tematiche di prevenzione, per questa 8° edizione il tema scelto è “La riduzione dei materiali d’imballaggio” – “Packaging Waste Reduction”. Packaging si riferisce a tutti materiali utilizzati per avvolgere, imballare, proteggere, portare, consegnare o incartare i prodotti. E’ necessario ridurre
tali materiali per favorire una diminuzione totale dei rifiuti prodotti, che hanno un forte impatto sulla vita di tutti gli essere viventi su questo pianeta.

La risposta della comunità è stata molto positiva alla proposta lanciata da Rabite Bus, che oltre alla   missione specifica dedicata all’ambiente, ha voluto cogliere l’occasione per stimolare la partecipazione, il pensiero creativo e la collaborazione all’interno del territorio.

Il proseguo di questa iniziativa culminerà,  in un evento, che oggi è in fase di preparazione  in cui l’ambiente, la natura e il concetto di sostenibilità rappresentano il focus della kermesse dal titolo: Fiera dell’Est che si terrà a Tursi (Basilicata) l’8 Dicembre 2016.

SETTIMANA EUROPEA DELLA MOBILITA’

Settimana Europea della Mobilità:
dal 16 al 23 settembre 2016

Anche per l’edizione 2016, Rabite Bus aderisce e promuove la Settimana Europea della Mobilità, condividendone gli obiettivi e coinvolgendo partner istituzionali e privati per favorire una maggiore diffusione del messaggio che la campagna intende fare arrivare a molti.

Il tema scelto per questa edizione è  “La mobilità intelligente e sostenibile – un investimento per l’Europa” ed è un’importante occasione per sottolineare gli stretti legami tra economia e trasporto: lo slogan scelto, a tal proposito, è “Smart Mobility. Strong Economy”, “Mobilità intelligente per un’economia forte”.

L’ obiettivo a cui mira la campagna è mettere in evidenza quanto la pianificazione intelligente e l’uso dei trasporti pubblici o privati, come mezzi condivisi, come il bus, possa rappresentare una grande fonte di risparmio economico sia per le Pubbliche Amministrazioni e sia per il singolo cittadino, oltre che un’importante occasione per sostenere la crescita economica locale.

La campagna è stata condivisa su proposta di Rabite Bus anche dal Comune di Tursi, Comune di Latronico e Circolo Velico Lucano.13580610_10154994588194097_6747584052467853529_o

Una pianificazione studiata del sistema trasporti, specie in una regione come la Basilicata, comporta sicuramente più servizi al territorio, al cittadino e al turista e una maggiore vivibilità dei nostri luoghi, anche per supportare e far crescere l’occupazione e il complessivo sistema economico locale.

Dal punto di vista del singolo, Rabite Bus incoraggia nella propria campagna un auspicabile cambiamento delle abitudini di viaggio, cominciando a considerare il bus come un mezzo di trasporto condiviso per viaggiare in sicurezza, per risparmiare, per socializzare ed anche per uscire o viaggiare più spesso, sia per i nostri divertimenti e sia per partecipare alla vita collettiva, come eventi, mostre, concerti.

Tra le azioni per diffondere tale messaggio si segnalano i viaggi organizzati e il lavoro di comunicazione di Rabite Bus rivolto in particolare a “Latronico. Città del Benessere” con l’accompagnamento al parco termale di oltre 1000 person1e.

In particolare, da Tursi l’affluenza che registriamo è di oltre 100 persone e ci auguriamo, insieme a una comunicazione con le istituzioni di far crescere questo numero per diffondere maggiormente questo luogo e la sua ricchezza, con i derivanti benefici che che ci offre.

 “ Quotidianamente, organizziamo viaggi di gruppo e offriamo la disponibilità di viaggiare per gli eventi culturali del territorio in bus, soprattuto per rispondere con azioni concrete sulle tematiche ambientali, oltrechè coinvolgere scuole, associazioni, cittadini su singoli progetti dedicati all’ambiente e al tema della riduzione dei rifiuti”.

TERME PER TUTTI

Il BLU-BLU-BUS , l’autobus del benessere, ti accompagna nei luoghi del relax e della salute.

Partner consolidato delle TERME LUCANE di Latronico (Pz), Rabite Servizi Turistici effettua un servizio transfer su prenotazione per una delle località termali più antiche della Basilicata.

Le virtù terapeutiche di queste acque, molto probabilmente, erano note fin dalla preistoria.
Le ricerche archeologiche condotte nei primi anni del 1900 hanno portato alla luce nelle grotte di Calda, immediatamente vicine alle sorgenti, Stipi votive, considerate dagli studiosi depositi sacri connessi con il “culto delle acque salutari”.

Il complesso termale di Latronico è immerso in uno splendido parco verde , a disposizione di tutti, dove è possibile ammirare l’opera d’arte “Cinema di Terra” lasciata da uno dei più importanti protagonisti dell’arte contemporanea Anish Kapoor.

La realizzazione rientra nel progetto “ArtePollino”, un piano di sviluppo locale, inserito nel programma “Sensi Contemporanei”, promosso dalla Regione Basilicata, dal Ministero dello Sviluppo Economico, dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali e dalla Fondazione La Biennale di Venezia

INVASIONI DIGITALI – 2016

  Tursi: la vita di comunità nei quartieri

L’Invasione digitale edizione 2016 è organizzata da Rabite BUS e si svolge con i ragazzi dell’Istituto Superiore  ITSET Manlio Capitolo  in Piazza S. Plebiscito e nel Rione Petto del paese di Tursi,  due luoghi simbolo in quanto importanti sia a livello architettonico – artistico, che per la funzione sociale che essi svolgevano nella cittadina. 

L’invasione vuole dare risalto al concetto disenso di comunità che questi luoghi storici evocano, sia a livello architettonico che tramite i racconti orali di alcuni testimoni che in questi quartieri vivono o hanno vissuto. L’azione sul tema della comunità ha lo scopo di ricercare quel senso di condivisione e appartenenza, che oggi è, apparentemente, sopraffatto dalle nostre vite digitali. L’evento Invasioni Digitali offre l’opportunità di coniugare la partecipazione fisica con quella virtuale, utilizzando quest’ultima come amplificatore del messaggio che intendiamo diffondere, ovvero la riscoperta del senso di comunità per proteggere anche il nostro patrimonio storico – artistico.

L’organizzazione è curata da Rabite BUS, e Invasioni Digitali è stato scelto come project work attraverso il quale l’azienda Rabite BUS rende operativo il programma di alternanza scuola – lavoro dell’Istituto ITSET Manlio Capitolo di Tursi

M’ILLUMINO DI MENO

Anche Rabite Bus con il suo servizio di Bus Sharing si unisce a “Mi’illumino di meno”, la nota e grande campagna radiofonica di sensibilizzazione sui consumi energetici e la mobilità sostenibile, ideata da Caterpillar Radio2, prevista per l giorno 19 febbraio 2016.

Intendiamo diffondere quanto più possibile la pratica del Bus- sharing in quanto rappresenta un’azione concreta che incide nel cambiare le nostre abitudini, troppo non curanti delle ricadute che esse hanno sul nostro pianeta. Dopo l’iniziativa con gli studenti delle scuole superiori, realizzata per La Settimana Europea della riduzione dei rifiuti, vogliamo continuare a sensibilizzare anche e soprattuto il mondo degli adulti, sino ad ottenere l’obiettivo di far rientrare l’utilizzo del bus come pratica quotidiana anche per occasioni non convenzionali, come andare a un evento, al teatro o al cinema.

L’edizione di quest’anno di “Mi’illumino di meno” è dedicata in particolare al tema della mobilità sostenibile con la grande operazione Bike the Nobel, la campagna etica di Rai Radio2 promossa da Caterpillar in cui si candida la bicicletta a Premio Nobel per la Pace.

In particolare,  quest’anno l’invito per gli amministratori e i cittadini è quello di basare la propria adesione sul tema della mobilità sostenibile, e non può che trovarci in sintonia.

Invasioni digitali

Invasioni digitali: fotografiamo porte, usci e finestre di Tursi e della Rabatana per offrire una vista nuova del nostro borgo

La presenza degli studenti, dell’IC Via Aretusa di Roma, ha reso invasioni digitali a Tursi una manifestazione didattica e formativa.

Più di cento ragazzi romani a spasso nel centro storico di Tursi, la Rabatana.

La chiesa di Santa Maria Maggiore è stata la prima tappa della visita guidata lungo le piccole viuzze e le terrazze naturali del centro storico di Tursi. Ogni angolo, ogni porta e ogni finestra sono un racconto di vita pieno di ricordi e nostalgia dei tempi andati, che solo la poesia può riportare in vita. Il percorso a piedi ha previsto delle brevi soste per permettere al poeta tursitano Rocco Campese e all’organizzatrice delle invasioni digitali Carmela Rabite di recitare versi in dialetto e rievocare con la musicalità delle parole la bellezza del posto.

Porte e finestre di Tursi: uno sguardo particolare sul mondo attraverso le invasioni digitali

Il piccolo borgo di Tursi, con il suo centro storico, la Rabatana, offre uno scorcio particolarissimo, così come è affacciato sul dirupo scosceso del calanco di tufo che lo sostiene. Le tante porte e finestre delle antiche dimore del centro inerpicato sul tufo sono scorci privilegiati e immagini caratteristiche della vita che un tempo abitava i vecchi borghi. Grazie a invasioni digitali si vuole “bussare” alle porte  e alle finestre del borgo antico, per riportare in vita gli interni diroccati e godere degli scorci paesaggistici che offrono.  Ogni uscio, ogni finestra e ogni porta, quando aperte, rivelano scorci e suggestioni particolari, in una caleidoscopica varietà di paesaggi e nature circostanti. Grazie ad invasioni digitali vogliamo riaprire le porte per il mondo antico ed affacciarci ai balconi e alle terrazze naturali che caratterizzano ogni borgo antico, così come il sapiente e paziente lavoro dell’uomo ha saputo creare nel corso dei secoli. Il nostro vuole essere un tentativo per approcciare la realtà storica, artistica e paesaggistica del centro storico da un’altra prospettiva, da un altro modo di vedere, magari lontano dalla classica visita guidata, ma sicuramente più vicino alla bellezza intrinseca del nostro borgo. La nostra idea è quella di coinvolgere il gruppo di invasori nella ricerca dello scorcio più caratteristico, dello sguardo più inusuale e dello scatto più originale per creare un diario digitale di Tursi e della Rabatana che sappia far rivivere, almeno per questi brevi istanti, un paesaggio naturale e una realtà storica forse da troppo tempo abbandonata a se stessa. Per partecipare con noi all’invasione digitale assicurati uno smartphone e contattaci per mail all’indirizzo info@rabite.it o al numero 0835533012 e il nostro staff ti fornirà tutte le informazioni.

Rabite Servizi Turistici è un’azienda di noleggio autobus da più di cinquant’anni, che da sempre lavora in prima linea per le attività a favore del patrimonio culturale e artistico del proprio territorio. Lavoriamo nel turismo e accompagniamo i viaggiatori di tutto il mondo alla scoperta delle bellezze paesaggistiche italiane. Invasioni digitali rappresenta per la nostra azienda la possibilità di condividere con il web l’amore profondo che ci lega al nostro territorio, promuovendo i valori e le tipicità che caratterizzano da sempre il nostro territorio.

Aiutaci ad aprire gli usci, le porte e le finestre della Rabatana e #liberiamolacultura. Invadiamo le antiche dimore, le strade e le terrazze del piccolo borgo e condividiamo con l’hashtag #invasionidigitali. Tutti gli scatti dell’iniziativa saranno ritwittati sul profilo @RabiteViaggi.

Per visualizzare le foto dell’evento clicca qui

Sam_M’chè

“… vègn’ a v’dénu balcunell’  ch’ dui’ raiofu’ na vót’ c_ér’ na uagn’nèll’ avit’ dui’ òcchi’ nivr’  e tand’ bèll’. Ma mó quillu balcón’  é sèmb chius’ é i raiofu’ stèn ammusciann’, fors sap’n’  ca nnu_èta turnè cchiù…”

Rocco Campese “… E più non venne notte” – 1978